Il Potere economico ride dell’evidente apocalisse

Da Rai News, 21 Gennaio 2020

“Davos. Un luogo dove, per definizione, si riunisce il top del potere economico, finanziario e politico mondiale e i super-ricchi sono di casa”. 

Ecco, noi leggiamo, leggiamo e basta, perché così vogliono loro.

Cosa vorrebbero dire le frasi: “Non solo massimizzarne i profitti, ma anche utilizzarne le capacità e le risorse in collaborazione con i governi e la società civile”.

Oppure: “I cambiamenti climatici potrebbero ‘bruciare’ una somma pari alla metà del pil mondiale”.

“Il clima come principale rischio per i mercati nel suo Global Risk Report, il Forum economico mondiale ha indicato proprio il clima come principale rischio finanziario per i mercati globali, più ancora delle tensioni commerciali. Il cambiamento climatico e la necessità di una economia in rotta verso la sostenibilità sono dunque tra i temi al centro del dibattito”.

 Mentre: “Le diseguaglianze si accentuano: L’1 per cento di Paperoni ha il doppio della ricchezza di 6 mld di persone” ???

Cosa c’entrano i “profitti”, il “Pil”, “la sostenibilità della economia?”

“Accordi sui dazi migliori di sempre, l’America vince di nuovo come mai prima, no a chi ci prospetta l’apocalisse”.

Ecco lo scopo di dibattiti e discussioni: dominare i popoli, portandoli alla distruzione e alla perdizione, e allora proprio questi lavaggi di cervello sono il pilastro dell’apocalisse!

Cosa credono i cosiddetti “paperoni”, di sopravvivere all’autodistruzione in corso?

Si fanno progetti a 10 anni, a 30 anni? Quando tutto sta già succedendo ieri!

Questo non è che l’oppio che viene iniettato ai “poveri”, è la droga diabolica di chi crede di esorcizzare la vecchietta scura che hanno alle spalle, con la falce, per portarli a bruciare negli antri oscuri del Flegetonte.

L’animo di qualche persona ancora sana è accanto ai milioni di giovani che si ribellano invano, ma che alle loro spalle hanno schiere angeliche pronte a portarli nella nuova generazione di Pace e di Fratellanza, la pietra angolare del Cosmo.

C’è speranza? Ce ne era una sola, ripeto: – Eliminazione fin da ieri dell’uso dell’uranio, del petrolio e del carbone, per indirizzarsi da subito e vertiginosamente verso l’uso dell’energia solare. Eliminazione del denaro e della proprietà, per vivere tutti, nessuno escluso, in un “Pianeta, stanza del Padre e dei suoi figli”, in cui ognuno opera per l’altro, come si fa nei Pianeti dove si vola liberi nell’Universo -.

I paperoni si mettono a ridere? 

Si, è l’ultima risata diabolica dell’uomo che torna animale.

Un bacio e un abbraccio a voi, bambini anime sante che morite minuto per minuto, perché la vostra anima non potrà essere toccata da nessuno, e le vostre lacrime di disperazione si trasformano presto nella tenerezza divina della beatitudine.

Perché, in riferimento al mio libro “La Legge del Padre”: La LEGGE È UNA.

Nessuno si doveva permettere, al cospetto dell’Usiarca Universale, di contraddire la Sua LEGGE o di farne altre.

Quest’uomo terrestre, noi, chi ci crediamo di essere?

È sufficiente la più piccola manifestazione della Natura, un microscopico virus, una folata di vento, un fulmine, una frattura terrestre, un sasso che cade, precipitare da pochi metri, scivolare su uno spigolo, per estinguere la nostra esistenza.

La Natura, che ci ha accolto come una culla, ci fa scomparire in un attimo. Abbiamo la possibilità di replicare? Affatto.

Eppure noi siamo stati e siamo talmente presuntuosi ed altezzosi, da pensare di poterci sostituire a Lei. Noi siamo la feccia dell’Universo, e meritiamo di essere cancellati con la stessa violenza con cui imponiamo ai nostri simili di ubbidire alle “nostre leggi”.

Abbiamo posto ad ogni angolo del Pianeta manifesti e “forze” militari pronte a fare rispettare le “nostre” leggi, pena la detenzione o la morte.

Come ci permettiamo di sostituirci al rispetto dell’Unica Legge?

Non ci meritiamo nessuna “revisione” da parte del Padre, ma unicamente quello che ci ha detto: “Mi son pentito di aver creato l’uomo, io lo distruggerò”.

Genesi 6/5: “Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che ogni disegno concepito dal loro cuore non era altro che male. 6E il Signore si pentì di aver fatto l’uomo sulla terra e se ne addolorò in cuor suo. 7Il Signore disse: «Sterminerò dalla terra l’uomo che ho creato: con l’uomo anche il bestiame e i rettili e gli uccelli del cielo, perché sono pentito d’averli fatti». 8Ma Noè trovò grazia agli occhi del Signore”.

Bene: c’è stato un Noè in quel tempo, con quelle Leggi, ma per questa generazione la Legge è il rispetto degli Ordini datici 2000 anni fa da Gesù Cristo “Ama il prossimo come te stesso”. E non c’è misericordia che tenga.

Ci chiediamo ancora perché? Diciamoci, chi:

  • Ha innalzato confini sempre più alti tra popolazioni, tra uomo e uomo?
  • Ha messo in atto tecnologie di armi assassine?
  • Ha affamato i propri simili per riempirsi la borsa di denari?
  • Ha fatto genocidi di popolazioni inermi, rubando loro ogni risorsa?
  • Ha ucciso la famiglia impedendo la preziosità dalla prima cellula sociale e la prima educazione dei bambini?
  • Ha proposto agli studenti libri di studio e di esame con cognizioni di scienza umana unicamente sperimentale, di filosofie rimasticate senza il rispetto dell’Onnipresente?
  • Ha sollecitato gravemente la deriva dei continenti, l’asse magnetico e l’asse polare con gli esperimenti nucleari?
  • Ha prodotto il Global Warming sciogliendo i ghiacci delle montagne e dei poli, sovraccaricando gli Oceani, con sbandamento della rotazione terrestre e provocando la mancanza dell’acqua potabile naturale per la sopravvivenza?
  • Ha voluto usare il petrolio, l’uranio, i veleni in agricoltura e allevamenti, inquinando la biosfera e la vita biologica?
  •     Buca continuamente il nostro anello magnetosferico con missili e navi spaziali e bombarda i corpi spaziali?
  • Costruisce satelliti armati con radiazioni elettromagnetiche e caricare laser per condizionare i cervelli umani?
  • Gioca con l’antimateria per fare scomparire il “nemico” o il Pianeta?
  • Costruisce strumenti per modificare clima e crosta terrestre come Haarp, Muos e tant’altro di nuovo?
  • Fabbrica in laboratorio microrganismi da guerra batteriologica provocando epidemie globali sempre più letali e inguaribili, specialmente per il fatto che i virus mutano velocemente e i vaccini non li possono rincorrere?
  • Ha manipolato il DNA per formare corpi con intelligenza artificiale, cioè senz’anima: fine dell’umanità?

Chi, se non noi?

E chi ci crediamo ancora di essere? Meno che nulla.

Già da anni soffia il vento della purificazione bussando sempre più impetuoso alle nostre porte: “Cosa hai fatto dei talenti che ti ho dato?”, dice il Padre.

“Non hai amato come ti ho insegnato? No?

Ti tolgo lo spirito e non sarai amato, perché sei un figlio perduto negli antri della dissoluzione, e vagherai smarrito per milioni di anni prima che io ti ridia la possibilità di riavere lo spirito in un nuovo corpo umano”.

                                                                                                    Orazio Valenti

Informazioni su Aquila 70 Articoli
Per contattarci scrivi a: info@eugeniosiragusa.it Sito realizzato attraverso il contributo di collaboratori volontari, totalmente no profit. "La verità non si vende e non si compra" Eugenio Siragusa