• L’Amore?

    L’Amore?

    Author Orazio Valenti

    L’Amore?

    Per questa umanità terrestre l’Amore è morto.

    È stato strappato e occultato dalle corna dei demoni più efferati, duri e senza scrupoli.

    Quello che era il lumicino della speranza per le anime di chi cercava il sentiero, è stato con intelligenza subdola manipolato ed oscurato.

    A chi cercava una mano che conduce ed un cuore di consolazione, è stata chiusa la porta e, ancor più grave, è stato trasformato in odio, tanto da farlo essere una smisurata attrazione inconscia.

    Chi stava iniziando a risorgere, viene travolto dagli specchi delle allodole, rimorchiato da falsi idoli, sentimenti e piaceri.

    L’ira del Padre è su tutti i Cieli.

    Il “Ravvedetevi” è finito, e chi ha bloccato le anime in risveglio, verrà punito severamente.

    Con chi potrebbe rimanere il raggio di Luce solare? Con i deboli alle attrazioni di false spiritualità? Con chi vuole stare con un piede di qua e l’altro di là? NO.

    Il Raggio dell’Amore può vivere solo con i forti nel discernimento, che non si fanno corrompere dalle false lusinghe o dal fascino esteriore, che siano pronti nel riflesso di quell’Amore sia nell’anima spirituale che nel corpo. A coloro che sanno donare con tutti se stessi al simile che comprende il simile, per resistere alle tentazioni sempre più sottili e ben mascherate.

    È sempre più difficile ed io stesso piango per quanto scempio trovo intorno, anche fra le anime che non si riconoscono più, perché deviate.

    Ma il giudizio si compie, e il tempo è arrivato.

    “Amore chiama amore”, scrisse un tempo Eugenio. Ma quale Amore, se verso la fine ha scritto “L’Amore è morto”?

    Io ti amo, si, ma tu sai cosa è l’Amore?

                                                                                                  Orazio Valenti

    (Dipinto di Orazio Valenti). 
    Il dipinto è intitolato "Vieni, anima mia" L'amante prende per mano l'amata, la toglie dal sole che tramonta e la porta verso il nuovo Sole attraverso i suoi raggi.

     

  • ¿El Amor?

    Author Orazio Valenti

    ¿El Amor?

    Para esta humanidad terrenal, el Amor está muerto.

    Ha sido desgarrado y tapado por los cuernos de los demonios más atroces, duros e sin escrúpulos.

    Lo que era la pequeña luz de esperanza para las almas de quienes buscaban el camino, ha sido con inteligencia astuta manipulado y oscurecido.

    Quien buscaba una mano que conduce y un corazón de consolación, ha sido cerrada la puerta y, lo que es más grave, ha sido transformado en odio, tanto como para hacerlo ser una desmedida atracción inconsciente.

    Quien comenzaba a levantarse de nuevo, es arrastrado por los espejos de alondras, remolcado por ídolos falsos, sentimientos y placeres.

    La ira del Padre está sobre todos los Cielos.

    El "Arrepentiros" se acabó, y quien ha bloqueado a las almas que se estaban despertando, será castigado severamente.

    ¿Con quién podría permanecer el rayo de Luz solar? ¿Con los débiles a las atracciones de falsas espiritualidades? ¿Con quien quiere estar con un pie aquí y el otro allá?  NO.

    El Rayo del Amor puede vivir solo con los fuertes en el discernimiento, que no se dejan corromper por los falsos halagos y la fascinación exterior, que estén listos para reflejar ese Amor ya sea en el alma espiritual que en el cuerpo. A aquellos que saben donar con todo sí mismos al similar que comprende al similar, para resistir las tentaciones siempre más sutiles y bien disfrazadas.

    Es cada vez más difícil y yo mismo lloro por la masacre que encuentro alrededor, incluso entre las almas que ya no se reconocen entre sí, porque están desviadas.

    Pero el juicio se cumple, y el tiempo ha llegado.

    “Amor llama amor”, escribió en un tiempo Eugenio. ¿Pero cuál Amor, si al final escribió “El Amor ha muerto”?

    Yo te amo, sí, ¿pero tú sabes lo que es el Amor?

                                                                                                  Orazio Valenti

  • ¡Ya es tarde para sacar conclusiones

    Author Orazio Valenti

    Ringraziamo Antonio Pastor per le traduzioni.

    ¡Ya es tarde para sacar conclusiones, nosotros, antes de que lo haga El Padre, precisamente porque lo sabemos!

     

    Los exponentes de los gobiernos mundiales, saben de la realidad extraterrestre, tienen todos los tipos de pruebas, y saben cuanto nos ha sido dicho por los contactados. Pero quieren ser ellos los que decidan sobre la “realidad relativa” con la cual condicionar a los pueblos, evadiéndose de la realidad absoluta.

    Desde 1952, Eugenio nos recordó las Leyes Universales, y lo he reiterado en mis libros desde 1980, pero cuando lo saco, los interlocutores me remiten a las religiones, como si pertenecieran al credo de alguna religión. No quieren entender.

    ¡Es absurdo como se está en conocimiento de los factores fundamentales y no se quiera obedecer a las Leyes Naturales, inventando leyes humanas absurdas que sirven a los intereses de quien piensa “gobernar” los pueblos humanos, como si no hubiesen siempre formado parte de los pueblos universales!

     

    Decían nuestros Hermanos superiores: “¿Cuando cesaréis  con vuestras políticas y gobiernos?  El Gobierno, Único, siempre ha existido, y no es de este mundo”.

    Ellos “saben”, los “gestores” de la humanidad con la economía política, y saben también que sucumbirían primero ellos, pero ¿qué locura los ha empujado y los empuja a esto? Este hombre se ha encarcelado en el laberinto de una soledad cada vez más triste, en una mezcolanza entre oligarcas y pobres absolutistas.

    Una soledad de la cual no nos libera la frase: “No estamos solos en el Universo”, porque debemos darnos cuenta de ello y vivir consecuentemente.

    ¡Ni tan siquiera el concepto de que “Dios está con nosotros”, porque debemos realizarlo con el Conocimiento de la Verdad!

     

    Estamos muy solos, inmersos en la vida atados a un trabajo, una propiedad, una cueva de palacio, donde muchos nacen y mueren.

    Estamos solos, pensando de realizarnos con el trabajo que enrriquece a quien ahorra el pan para sobrevivir.

    Solo aquellos que nadan en dinero y tratan de defenderlo están tan angustiados.

    En su soledad, todo hombre es tan presuntuoso y egoísta como para afirmar que el mundo es como él cree que es, y quiere imponérselo a los demás.

     

    E incluso si, caminando por las orillas de una playa, caminando por senderos de montaña, extasiados por una puesta de sol, hablando con amigos que comparten nuestros pensamientos, bajo las columnas de “templos” filosóficos o religiosos, nuestra alma espiritual siente el llamado de la libertad. , mientras sentimos a pesar de ello que es una prisionera, ahogada por la impelente necesidad de vivir en el yugo gravitante del "SISTEMA".

    Somos libres de elegir nuestro destino, no hay nada que hacer, mucho menos imponer (como no lo han hecho los "Señores" del Espacio).

     

    "Dios ofrece, no impone"dijo Eugenio.

    Como también dijo Bruno: "Luché mucho, pero ganar (redimir) está en manos del destino, y cada uno elige su propio destino y su tiempo".

    Fue con la obra de Eugenio que la Misericordia de la Consolación se convirtió en necesidad de Justicia, para poner todo de nuevo en su lugar legítimo.

    “¡Arrepiéntanse, arrepiéntanse!”repetía a menudo, y fue la Voluntad del Padre quien, con las últimas revelaciones, ha sacado las conclusiones, afirmando que la puerta de la ayuda celestial se ha cerrado, porque el hombre terrestre perseveró en su rechazo. Él "Volverá para juzgar a los vivos y a los muertos (en espíritu)" está en manos del Maestro Jesús, que trabaja en anticipación de la Orden del Padre desde las profundidades omnipresentes del Sistema Solar.

    Eugenio repetía a menudo en los últimos años: "¡Se acabó el tiempo!"

    Pero a este hombre le importa poco. A través del tiempo han vencido siempre más los destructores de la realidad, los desviadores de las Leyes Naturales, para pensar de dominar la humanidad y la Naturaleza. Hemos cada vez más construido armas, deslizandonos en un abismo de estiércol, y de este fango no hemos nunca más logrado salir fuera. No somos ya capaces de hallar ningún agarre ni el ancla del puerto. Y de ello nos hemos dado cuenta cada vez menos, tanto como para convertirnos en víctimas inconscientes. El extrapoder hoy ha llevado hacia la aniquilación de la inteligencia, del discernimiento. ¿Qué hacer contra esto? ¿Cómo poder repetir aún que era necesario curar las causas?

     

    Hoy, solo hablar de curar las causas es utopía.

    Si todo está contaminado, ¿cómo podemos hablar de "biológico"?

    Si las mentes se han vuelto locas, ¿cómo podemos hablar de hospitales psiquiátricos, para corregir la mente, cuando ni siquiera sabemos qué es la psique?

    Si todo es guerra, todo está dominado por el dinero, ¿cómo es posible pensar en el amor fraternal? Nos enredamos inutilmente en estos sueños mortales que van hacia un destino sin retorno, cayendo en el vacío sin darnos cuenta de ello.

    ¿Qué queremos salvar si estamos en el fondo del barranco?

    Por lo tanto, debemos constatar, a pesar de nuestras esperanzas, que nos aferramos a las ilusiones, y que la salvación concierne solo a nuestra alma individual.

    Lo que fue profetizado se ha verificado y está inexorablemente verificando.

     

    Las Fuerzas de la Naturaleza, que se llaman ZIGOS, están reaccionando por el amor y la salvación del Planeta, rechazando lo que el hombre ha construido, su falso bienestar, su ciencia y tecnología para el uso y el consumo de maléficas intenciones, demostrando que lo que el hombre ha construido y elevado por "ley", no existe, está en contra de la naturaleza, era eliminado. Y esto está ocurriendo y sin posibilidad de negación está a punto de concluir.

    Con los nuevos descubrimientos arqueológicos, geológicos, astrofísicos y naturalistas.

    Es muy extraño cómo nos damos cuenta del paradigma diferente con el que deberíamos haber procedido en la evolución, pero aún más inconcebible es el hecho de que nos oponemos a él por querer hacer "lo que queremos". No hay diablo más diablo que hombre.

    Las leyes Universales son Las LEYES, de lo contrario se sucumbe, como cuando una célula de nuestro cuerpo se vuelve cancerígena: o la extirpas o sucumbes.

     

    Del pasado más antiguo podríamos haber escuchado y obedecido las llamadas celestiales.

    Una vez que las historias fueron transmitidas a través de los ikones, un pathos definido como milagros, o como la aparición de seres luminosos, eso es Ángeles, pero no podemos volver a aquellos tiempos en que los Enviados, los Maestros que tenían una conciencia superior, hablaban un lenguaje comprensible al hombre de aquella época.

     

    Su operatividad pertenecía a esa época, con su lógica. Poco después, esto cambió, cuando comenzaron no solo a manifestarse de manera diferente sino también a ocurrir fenómenos particulares con aspectos cada vez más cercanos al hombre, incluso si este progresaba negativamente.

     

    Hoy debemos tener en cuenta lo que hay, porque si no nos hemos realizado en el pasado y no lo hemos digerido y transformado entre las diversas metodologías que han seguido, no podemos entender ni el pasado ni el presente, privados de una nueva conciencia.

     

    No hemos seguido las revelaciones, que podrían haber sido el punto de partida para una vida más constructiva, más cercana a la realidad. Por esto que la dificultad del enviado, el mensajero, el contactado (hasta 2004), fue, desafortunadamente, el de volver a traer las enseñanzas con la lógica moderna a una humanidad que, en comparación con el ayer, ha empeorado.

    ¿Cómo hacer para ir contra esta incompatibilidad, queriendo decir aún algo, sobre las informaciones celestiales?

    ¿Cómo hacer para transmitir estas cosas “lógicas” solo para quien es consciente, y no puede transmitirlas, porque la evolución de la conciencia espiritual es individual, mientras cada uno quiere a toda costa enriquecerse de filosofías inútiles. Esto es perderse en el laberinto de lo absurdo de los pensamientos de pensamientos, sin hallar quien es el verdadero hombre.

    Y un hijo monstruoso de esto es la política, ya sea por propios interesas de carácter material, o sea por el diabólico sentido de dominar sobre los demás para perseguir inteligencias que no existen.

     

    Nos hemos querido olvidad que del Padre y de Su Justicia se ha hablado desde el inicio de la historia del hombre. El hombre ha recibido mucha misericordia, muchas enseñanzas de carácter cósmico de Hermes, luego llegó el momento de la séptima generación en la que, 2000 años atrás, el Cristo ha determinado: “¿Habéis comprendido o no que estáis en grado de poderos salvar a través de la Ley del Amor?”.

    No, lo crucificamos, y la Sangre de este Justo recae en los que lo crucificaron y lo crucifican día tras día, perseverando en el error.

    ¿Qué más queremos?

    Incluso alguno quiere convencer que estos enviados celestiales, Jesús mismo, no hayan existido.

     

    Es también pecado original la rebelión hacia el mismo Interior, rechazando nuestra realidad en la dimensión corporal, biofísica, anímica, en la inteligencia espiritual, en la unión hacia el Omnipresente.

    Por tanto, si Eugenio ha recordado las Leyes del Amor, y después de la Justicia, queda solo y únicamente la Justicia que el hombre ha querido sobre sí mismo.

    Quien aún tiene la llama encendida, debe estar atento para que no se apague.

                                                                                                            Orazio Valenti

     

     

     

     

     

  • Tiriamo le somme

    Author Orazio Valenti

    È già tardi per tirare le somme, noi, prima che lo faccia il Padre,

    proprio perché lo sappiamo!

     

    Gli esponenti dei governi mondiali sanno, sanno della realtà extraterrestre, hanno tutti i tipi di prove, e sanno quanto ci è stato detto dai contattati. Ma vogliono essere loro a decidere sulla “realtà relativa” con cui condizionare le popolazioni, sgattaiolando dalla realtà assoluta.

    Fin dal 1952 Eugenio ci ricordava  le Leggi Universali, e lo ho ribadito nei miei libri dal 1980, ma quando le tiro fuori gli interlocutori mi rimandano alle religioni, come se appartenessero al credo di qualche religione. Non vogliono capire.

    È assurdo come si sia a conoscenza dei fattori fondamentali e non si voglia ubbidire alle Leggi Naturali, inventando leggi umane assurde che servono agli interessi di chi pensa di “governare” le popolazioni umane, come se non avessero sempre fatto parte delle popolazioni universali!

    Dicevano i nostri Fratelli superiori: “Quando la smetterete con le vostre politiche e governi? Il Governo, Unico, c’è sempre stato, e non è di questo mondo”.

    “Sanno”, i “gestori” dell’umanità con la economia politica, e sanno anche che soccomberebbero per primi loro, ma quale follia li ha spinti e li spinge a questo? Quest’uomo si è imprigionato nel dedalo di una solitudine sempre più triste, in una mescolanza tra oligarchi e poveri assoluti.

    Una solitudine da cui non ci libera la frase: “Non siano soli nell’Universo”, perché dobbiamo rendercene conto e vivere di conseguenza.

    Nemmeno il concetto che “Dio è con noi”, perché dobbiamo realizzarlo con la conoscenza della Verità!

    Siamo cupamente soli, immersi nella vita legata ad un lavoro, ad una proprietà, ad una caverna di palazzo, dove tanti nascono e muoiono.

    Siamo soli, pensando di realizzarci con il lavoro che fa arricchire chi ci lesina il pane per sopravvivere.

    Tanto angosciosamente solo è chi nuota nel denaro e cerca di difenderselo.

    Nella sua solitudine ogni uomo è talmente presuntuoso ed egoista da pretendere che il mondo sia come lui pensa che sia, e lo vuole imporre agli altri.

    Ed anche se, passeggiando sulle rive di una spiaggia, percorrendo sentieri di montagna, estasiati da un tramonto, colloquiando con amici che condividono il nostro pensiero, sotto dalle colonne di “templi” filosofici o religiosi, la nostra anima spirituale sente il richiamo della libertà, mentre sentiamo che comunque è prigioniera, affogata dalla impellente necessità di vivere nel giogo gravitante dal “SISTEMA”.

    Siamo liberi di scegliere il nostro destino, non c’è niente da fare, tanto meno da imporre (come non hanno fatto i “Signori” dello Spazio).

    “Dio offre, non impone” diceva Eugenio.

    Come diceva anche Bruno: “Ho lottato molto, ma vincere (redimere), è nelle mani del fato, ed ognuno sceglie il proprio destino ed il suo tempo”.

    È stato con l’opera di Eugenio che la Misericordia della Consolazione si è trasformata in necessità di Giustizia, per rimettere ogni cosa al suo giusto posto.

    “Ravvedetevi, Ravvedetevi!” ripeteva spesso, ed è stata la Volontà del Padre che, con le ultime rivelazioni, ha tirato le somme, affermando che la porta dell’aiuto celeste si è chiusa, perché l’uomo terrestre ha perseverato nel rifiutare. Il “Tornerà per giudicare i vivi e i morti (nello spirito)” è nelle mani del Maestro Gesù, che dalle profondità onnipresenti del Sistema Solare, sta operando in attesa dell’Ordine del Padre.

    Ripeteva spesso Eugenio negli ultimi anni: “Il tempo è finito!”

    Ma a quest’uomo interessa poco. Nel tempo hanno vinto sempre di più i distruttori della realtà, i deviatori della Leggi Naturali, per pensare di dominare l’umanità e la Natura. Abbiamo costruito sempre più armi, scivolando in un abisso di letame, e da questa mota non siamo più riusciti a tirarci fuori. Non si è più capaci di cercare nessun appiglio né l’ancora del porto. E ce ne siamo resi conto sempre di meno, tanto da diventare vittime inconsapevoli. Lo strapotere oggi ha portato verso l’annientamento della intelligenza, del discernimento. Cosa poter fare contro questo? Come poter ribadire ancora che bisognava curare le cause?

    Oggi, solo parlare di curare le cause è utopia.

    Se è tutto inquinato, come possiamo parlare di “biologico”?

    Se le menti sono impazzite, come possiamo parlare di ospedali psichiatrici, di correggere la mente, quando non sappiamo neanche cosa è la psiche?

    Se tutto è guerra, tutto dominato dal denaro, come è possibile pensare all’amore fraterno? Siamo annaspati inutilmente a questi sogni mortali che vanno verso un destino senza ritorno, precipitando nel vuoto senza rendercene conto.

    Cosa vogliamo salvare se siamo infondo al burrone?

    Dobbiamo quindi constatare, nonostante le nostre speranze, che ci aggrappiamo a delle illusioni, e la salvezza riguarda solo la nostra anima individuale.

    Quello che era stato profetizzato si è avverato e si sta inesorabilmente avverando.

    Le Forze dalla Natura, che si chiamano ZIGOS, stanno reagendo per amore e salvezza del Pianeta, rigettando quanto l’uomo ha costruito, il suo falso benessere, la sua scienza e tecnologia ad uso e consumo dei malefici intenti, dimostrando che ciò che l’uomo ha edificato e innalzato a “legge”, non esiste, è contro natura, andava rimosso. E questo sta avvenendo e senza possibilità di smentita si sta per concludere.

    Con le nuove scoperte archeologiche, geologiche, astrofisiche, naturalistiche,

    è molto strano come ci rendiamo conto del diverso paradigma con cui avremmo dovuto procedere nella evoluzione, ma ancora più inconcepibile il fatto che lo contrastiamo per voler fare “di testa nostra”. Non c’è diavolo più diavolo dell’uomo.

    Le leggi Universali sono Le LEGGI, altrimenti si soccombe, come quando una cellula del nostro corpo diventa cancerogena: o la estirpi o soccombi.

    Dal più antico passato avremmo potuto ascoltare ed ubbidire ai richiami celesti.

    Una volta le storie si tramandavano attraverso le ikone, un pathos definito come miracoli, o come apparizione di esseri luminosi cioè Angeli, ma non possiamo rifarci a quei tempi in cui gli Inviati stessi, i Maestri che avevano una coscienza superiore, parlavano un linguaggio comprensibile all’uomo di quel tempo.

    Il loro operato apparteneva a quel tempo, con la sua logica. Poco tempo dopo questo è cambiato, quando hanno iniziato non solo a manifestarsi diversamente ma anche a succedere fenomeni particolari con aspetti sempre più vicini all’uomo, anche se questo progrediva negativamente.

    Oggi dobbiamo tener conto di quello che c’è, perché se non abbiamo realizzato il passato e non lo abbiamo digerito e trasformato fra le varie metodologie che si sono susseguite, non possiamo capire né il passato né il presente, privi di una nuova coscienza. Non abbiamo seguito le rivelazioni, che potevano essere il punto di partenza per una vita più costruttiva, più vicina alla realtà. Ecco che la difficoltà dell’inviato, il messaggero, il contattato (fino al 2004), è stata quella purtroppo di riportare gli insegnamenti con la logica moderna ad una umanità che, rispetto a ieri, è peggiorata. Come si fa ad andare incontro a questa incompatibilità, a voler ancora dire qualcosa, sulle informazioni celesti? Come si fa a trasmettere queste cose “logiche” solo per chi è cosciente, e non puoi trasmetterle, perché la evoluzione della coscienza spirituale è individuale, mentre ognuno vuole a tutti costi arricchirsi di filosofie inutili. Cioè ci si perde nel dedalo della assurdità dei pensieri di pensieri, senza trovare chi è il vero uomo. E un mostruoso figlio di questo è la politica, sia per i propri interessi di carattere materiale, sia per il diabolico senso di dominare sugli altri per perseguire intelligenze che non esistono.

    Ci siamo voluti dimenticare che del Padre e della Sua Giustizia si è parlato fin dall’inizio della storia dell’uomo. L’uomo ha ricevuto tanta misericordia, tanti insegnamenti di carattere cosmico da Ermete, poi è arrivato il momento della settima generazione in cui, 2000 anni fa, il Cristo ha determinato: “Avete capito o no che siete in grado di potervi salvare attraverso la Legge dell’Amore?”. No, lo abbiamo messo in croce, ed il Sangue di questo Giusto ricade su chi lo ha crocifisso e lo crocifigge giorno per giorno, perseverando nell’errore. Cosa vogliamo di più? Addirittura qualcuno sobilla che questi inviati celesti, Gesù stesso, non siano esistiti.

    È peccato originale anche la ribellione verso il Sè stesso interiore, rifiutando la nostra realtà nella dimensione corporea, biofisica, animica, nella intelligenza spirituale, nel collegamento verso l’Onnipresente.

    Quindi, se Eugenio ci ha ricordato le Leggi dell’Amore, e poi della Giustizia, rimane solo ed unicamente la Giustizia che l’uomo ha voluto su sé stesso.

    Chi ha la fiammella ancora accesa, deve stare attento che non si spenga.

                                                                                                            Orazio Valenti

    È già tardi per tirare le somme, noi, prima che lo faccia il Padre,

    proprio perché lo sappiamo!

     

    Gli esponenti dei governi mondiali sanno, sanno della realtà extraterrestre, hanno tutti i tipi di prove, e sanno quanto ci è stato detto dai contattati. Ma vogliono essere loro a decidere sulla “realtà relativa” con cui condizionare le popolazioni, sgattaiolando dalla realtà assoluta.

    Fin dal 1952 Eugenio ci ricordava  le Leggi Universali, e lo ho ribadito nei miei libri dal 1980, ma quando le tiro fuori gli interlocutori mi rimandano alle religioni, come se appartenessero al credo di qualche religione. Non vogliono capire.

    È assurdo come si sia a conoscenza dei fattori fondamentali e non si voglia ubbidire alle Leggi Naturali, inventando leggi umane assurde che servono agli interessi di chi pensa di “governare” le popolazioni umane, come se non avessero sempre fatto parte delle popolazioni universali!

    Dicevano i nostri Fratelli superiori: “Quando la smetterete con le vostre politiche e governi? Il Governo, Unico, c’è sempre stato, e non è di questo mondo”.

    “Sanno”, i “gestori” dell’umanità con la economia politica, e sanno anche che soccomberebbero per primi loro, ma quale follia li ha spinti e li spinge a questo? Quest’uomo si è imprigionato nel dedalo di una solitudine sempre più triste, in una mescolanza tra oligarchi e poveri assoluti.

    Una solitudine da cui non ci libera la frase: “Non siano soli nell’Universo”, perché dobbiamo rendercene conto e vivere di conseguenza.

    Nemmeno il concetto che “Dio è con noi”, perché dobbiamo realizzarlo con la conoscenza della Verità!

    Siamo cupamente soli, immersi nella vita legata ad un lavoro, ad una proprietà, ad una caverna di palazzo, dove tanti nascono e muoiono.

    Siamo soli, pensando di realizzarci con il lavoro che fa arricchire chi ci lesina il pane per sopravvivere.

    Tanto angosciosamente solo è chi nuota nel denaro e cerca di difenderselo.

    Nella sua solitudine ogni uomo è talmente presuntuoso ed egoista da pretendere che il mondo sia come lui pensa che sia, e lo vuole imporre agli altri.

    Ed anche se, passeggiando sulle rive di una spiaggia, percorrendo sentieri di montagna, estasiati da un tramonto, colloquiando con amici che condividono il nostro pensiero, sotto dalle colonne di “templi” filosofici o religiosi, la nostra anima spirituale sente il richiamo della libertà, mentre sentiamo che comunque è prigioniera, affogata dalla impellente necessità di vivere nel giogo gravitante dal “SISTEMA”.

    Siamo liberi di scegliere il nostro destino, non c’è niente da fare, tanto meno da imporre (come non hanno fatto i “Signori” dello Spazio).

    “Dio offre, non impone” diceva Eugenio.

    Come diceva anche Bruno: “Ho lottato molto, ma vincere (redimere), è nelle mani del fato, ed ognuno sceglie il proprio destino ed il suo tempo”.

    È stato con l’opera di Eugenio che la Misericordia della Consolazione si è trasformata in necessità di Giustizia, per rimettere ogni cosa al suo giusto posto.

    “Ravvedetevi, Ravvedetevi!” ripeteva spesso, ed è stata la Volontà del Padre che, con le ultime rivelazioni, ha tirato le somme, affermando che la porta dell’aiuto celeste si è chiusa, perché l’uomo terrestre ha perseverato nel rifiutare. Il “Tornerà per giudicare i vivi e i morti (nello spirito)” è nelle mani del Maestro Gesù, che dalle profondità onnipresenti del Sistema Solare, sta operando in attesa dell’Ordine del Padre.

    Ripeteva spesso Eugenio negli ultimi anni: “Il tempo è finito!”

    Ma a quest’uomo interessa poco. Nel tempo hanno vinto sempre di più i distruttori della realtà, i deviatori della Leggi Naturali, per pensare di dominare l’umanità e la Natura. Abbiamo costruito sempre più armi, scivolando in un abisso di letame, e da questa mota non siamo più riusciti a tirarci fuori. Non si è più capaci di cercare nessun appiglio né l’ancora del porto. E ce ne siamo resi conto sempre di meno, tanto da diventare vittime inconsapevoli. Lo strapotere oggi ha portato verso l’annientamento della intelligenza, del discernimento. Cosa poter fare contro questo? Come poter ribadire ancora che bisognava curare le cause?

    Oggi, solo parlare di curare le cause è utopia.

    Se è tutto inquinato, come possiamo parlare di “biologico”?

    Se le menti sono impazzite, come possiamo parlare di ospedali psichiatrici, di correggere la mente, quando non sappiamo neanche cosa è la psiche?

    Se tutto è guerra, tutto dominato dal denaro, come è possibile pensare all’amore fraterno? Siamo annaspati inutilmente a questi sogni mortali che vanno verso un destino senza ritorno, precipitando nel vuoto senza rendercene conto.

    Cosa vogliamo salvare se siamo infondo al burrone?

    Dobbiamo quindi constatare, nonostante le nostre speranze, che ci aggrappiamo a delle illusioni, e la salvezza riguarda solo la nostra anima individuale.

    Quello che era stato profetizzato si è avverato e si sta inesorabilmente avverando.

    Le Forze dalla Natura, che si chiamano ZIGOS, stanno reagendo per amore e salvezza del Pianeta, rigettando quanto l’uomo ha costruito, il suo falso benessere, la sua scienza e tecnologia ad uso e consumo dei malefici intenti, dimostrando che ciò che l’uomo ha edificato e innalzato a “legge”, non esiste, è contro natura, andava rimosso. E questo sta avvenendo e senza possibilità di smentita si sta per concludere.

    Con le nuove scoperte archeologiche, geologiche, astrofisiche, naturalistiche,

    è molto strano come ci rendiamo conto del diverso paradigma con cui avremmo dovuto procedere nella evoluzione, ma ancora più inconcepibile il fatto che lo contrastiamo per voler fare “di testa nostra”. Non c’è diavolo più diavolo dell’uomo.

    Le leggi Universali sono Le LEGGI, altrimenti si soccombe, come quando una cellula del nostro corpo diventa cancerogena: o la estirpi o soccombi.

    Dal più antico passato avremmo potuto ascoltare ed ubbidire ai richiami celesti.

    Una volta le storie si tramandavano attraverso le ikone, un pathos definito come miracoli, o come apparizione di esseri luminosi cioè Angeli, ma non possiamo rifarci a quei tempi in cui gli Inviati stessi, i Maestri che avevano una coscienza superiore, parlavano un linguaggio comprensibile all’uomo di quel tempo.

    Il loro operato apparteneva a quel tempo, con la sua logica. Poco tempo dopo questo è cambiato, quando hanno iniziato non solo a manifestarsi diversamente ma anche a succedere fenomeni particolari con aspetti sempre più vicini all’uomo, anche se questo progrediva negativamente.

    Oggi dobbiamo tener conto di quello che c’è, perché se non abbiamo realizzato il passato e non lo abbiamo digerito e trasformato fra le varie metodologie che si sono susseguite, non possiamo capire né il passato né il presente, privi di una nuova coscienza. Non abbiamo seguito le rivelazioni, che potevano essere il punto di partenza per una vita più costruttiva, più vicina alla realtà. Ecco che la difficoltà dell’inviato, il messaggero, il contattato (fino al 2004), è stata quella purtroppo di riportare gli insegnamenti con la logica moderna ad una umanità che, rispetto a ieri, è peggiorata. Come si fa ad andare incontro a questa incompatibilità, a voler ancora dire qualcosa, sulle informazioni celesti? Come si fa a trasmettere queste cose “logiche” solo per chi è cosciente, e non puoi trasmetterle, perché la evoluzione della coscienza spirituale è individuale, mentre ognuno vuole a tutti costi arricchirsi di filosofie inutili. Cioè ci si perde nel dedalo della assurdità dei pensieri di pensieri, senza trovare chi è il vero uomo. E un mostruoso figlio di questo è la politica, sia per i propri interessi di carattere materiale, sia per il diabolico senso di dominare sugli altri per perseguire intelligenze che non esistono.

    Ci siamo voluti dimenticare che del Padre e della Sua Giustizia si è parlato fin dall’inizio della storia dell’uomo. L’uomo ha ricevuto tanta misericordia, tanti insegnamenti di carattere cosmico da Ermete, poi è arrivato il momento della settima generazione in cui, 2000 anni fa, il Cristo ha determinato: “Avete capito o no che siete in grado di potervi salvare attraverso la Legge dell’Amore?”. No, lo abbiamo messo in croce, ed il Sangue di questo Giusto ricade su chi lo ha crocifisso e lo crocifigge giorno per giorno, perseverando nell’errore. Cosa vogliamo di più? Addirittura qualcuno sobilla che questi inviati celesti, Gesù stesso, non siano esistiti.

    È peccato originale anche la ribellione verso il Sè stesso interiore, rifiutando la nostra realtà nella dimensione corporea, biofisica, animica, nella intelligenza spirituale, nel collegamento verso l’Onnipresente.

    Quindi, se Eugenio ci ha ricordato le Leggi dell’Amore, e poi della Giustizia, rimane solo ed unicamente la Giustizia che l’uomo ha voluto su sé stesso.

    Chi ha la fiammella ancora accesa, deve stare attento che non si spenga.

                                                                                                            Orazio Valenti

     

  • Attenti ai venditori del sogno ingannevole!

    Author Orazio Valenti

    Attenti ai venditori del sogno ingannevole!

    Non Consolazione ma Discernimento.

     

    L’intento di chi ha compreso Eugenio è di ubbidire a questa Opera invisibile, diversamente da chi si trastulla con parole e animosità consolatorie.

    La metodologia dell’Amore Consolatore, è stata travisata per debolezza, perché dietro questo Volto c’è il reale richiamo alla Giustizia, la Reale Armonìa. 

    Nella peculiarità delle mie divulgazioni, ho raccolto e testimonio ancora la sintesi severa dell’opera nascosta di Eugenio sotto il profilo della Giustizia del Padre e delle Sue Leggi Assolute, opera diretta all’uomo terrestre di questa generazione, disubbidiente alle Leggi del Padre.

    Lo so dai dati che circa cinquecentomila persone hanno prelevato i miei libri gratuiti per intero e letto i miei scritti, ribadendo più volte che, attraverso Eugenio, si abbattono, non comprese, le Ire del Padre verso quest’uomo, che, pur essendo stato fustigato incessantemente, ha continuato a ribellarsi.

    Anche chi è stato risvegliato agli insegnamenti atavici, se non sufficientemente realizzati, mantenendo un instabile equilibrio, facilmente può abbandonare il Sentiero additato.

    Proprio per questo sono sempre valide le tirate di orecchie celesti, per avere severo discernimento e non cadere nelle innumerevoli distrazioni fuorvianti.

    Dunque, il pensare e far pensare ad un Eugenio ripieno di amore, è errato, in quanto il richiamo perentorio per l’uomo terrestre è quello di guardarsi delle tentazioni e superare l’inferno in cui vive.

    Le lacrime del pentimento, la ricerca della carezza nell’anima, non servono a nulla. Eugenio non vuole e non dà questo. Lui ha donato la sua vita per spingerci, senza sosta, a stare sulle spine, come lo è stato lui, con l’inquietudine dello spirito che controlla la materia. Questo è quello che si sarebbe dovuto fare, senza cercare il riposo ed il sogno delle beatitudini o certe meditazioni astrali ultradimensionali che astraggono dalla realtà del vivere in questo corpo, con la sua funzione universale.

    Non c’è e non ci sarà Amore per chi tergiversa nel fare il proprio dovere.

    Siamo presuntuosi, approfittatori, arroganti, presi dalle forze subdole di un male sottile, e voler rubare ciò che appartiene solo ad Eugenio, per sentirci noi importanti, usando le parole del Consolatore, addirittura le parole di Bahrat “Lacrima di Dio”, ma vergognamoci! Quelli sono e restano colloqui personali di Eugenio con il Consolatore, il Pimandro, noi possiamo solo rimanere estasiati nello spirito e nell’estremo rispetto! Non ci rendiamo conto che non siamo nulla! Che siamo in terza dimensione e non ci meritiamo di entrare in quarta, mentre Loro sono nel dominio della quinta astrale. E più ci vogliamo innalzare e più ci abbassiamo. Più pensiamo di avere a che fare con gli angeli di luce e più abbiamo a che fare con le luci di Agarta, che sono molto attraenti. Occorre umiltà, inginocchiarsi e piegarsi davanti alla Volontà di Dio, come quelli che non si sono piegati davanti a Mosè e alle Leggi. Anche se oggi è più difficile, perché siamo più ingannati.

    Pensiamoci un po': L’insegnamento “Non nominare il Nome di Dio invano”, comprende diversi significati. Parola vuol dire Verbo come espressione non solo della bocca ma anche del pensiero, Verbo è anche il concetto della creazione.

    Quindi la definizione “Dio” ha bisogno della Sua spiegazione su chi è Dio?

    La Parola di Dio, per l’uomo terreste, è la creazione di ogni cosa nell’insieme del nostro Sistema Solare, e non espandiamo oltre un concetto la cui percezione è complessa per il nostro mondo illusorio.

    Dopo il Padre viene il Figlio Cristo, Colui che fa la Volontà del Padre come effetto creativo, e già questo è per noi un concetto insondabile.

    Perché come Cristo è in ogni atomo di ogni cosa, così nella creazione è il Movimento del Principio, in tutti i suoi aspetti (come disse Ermete).

    Quindi non nominare il nome di Cristo, vuole anche dire non perdersi in un concetto talmente vasto di Coscienza Cosmica da non poter neanche pretendere di voler percepire. Gesù e le altre altissime personalità Cristiche venute nei vari tempi storici delle popolazioni, sta a metà tra Cristo e l’uomo, ma è sempre una divinità che rispecchia non solo la Volontà ma anche la messa in opera, la coscienza volumetrica del Cristo che incarna, e per noi è il nostro Maestro. Quindi neanche nominare il nome del nostro Maestro invano, tranne il caso in cui noi lo preghiamo per insegnamento e consiglio, per vivere secondo ciò che Lui ci ha insegnato, perché è portatore della Legge Universale e Giudice dell’uomo. E non nominare invano neanche gli altri nomi dei collaboratori del Padre, che fanno la Sua Volontà.

    È difficile spiegare la differenza tra i collaboratori spirituali più importanti e i collaboratori pratici. Come possiamo noi parlare facilmente, riempirci la bocca di queste cose, fino a voler essere maestri, saggi. Come ci permettiamo?

     

    Guardiamoci anche dai falsi contattati: Eugenio ci diceva seriamente di firmare i propri scritti considerandoli solamente come autorealizzazioni personali, senza alcuna presunzione di “ricevere” da chissà chi.

    Lui, Eugenio, e soltanto lui ha operato, dai Cieli della Coscienza superiore, insieme ai suoi Fratelli, figli nella Luce del Padre. Non vi è sogno o false realtà che ci possano consentire di imitarlo. Noi, nessuno escluso, ancora dobbiamo saper scegliere con umiltà, la Luce dello spirito, attraverso le nostre sofferenze.

    Guardiamoci dalle carezze ingannevoli del tentatore!

    Con il suo intervento Eugenio non è venuto a dirci “pensa positivo”, ma:

    -         Non usate l’uranio!

    -         Non inquinate la natura!

    -         Angeli ieri, Extraterrestri oggi. Vivete come loro.

    -         Bandite le guerre e abbracciatevi fraternamente, altrimenti di questa generazione non resterà nemmeno memoria!

    Sono parole di consolazione o piuttosto di ammonimento?

    Sono meditazioni di gioia o terrorizzanti consigli di rimettere ogni cosa al suo giusto posto come l’atomo, il DNA, gli equilibri naturali, la famiglia, il vivere fraterno dell’intera popolazione umana, altrimenti non sarebbe sopravvissuto nessuno?

    Non è venuto ad accarezzarci e dirci “Bravo, continua così!”. No!! È venuto per ammonire e per ricordarci che il Padre si è pentito di aver creato l’uomo.

    E l’uomo, invece, tra una bottiglia di spumante, una vacanza in crociera, nuota fra gli interessi economici più egoistici dai quali non può liberarsi certamente con gli inganni delle preghiere, perché proprio queste diventano un più sottile inganno a discapito della presa di coscienza del difenderci dalle distrazioni.

    Il fatto è che abbiamo fatto di tutto per trascinare in questa follia anche la vita del Pianeta, ma: “Tutto passerà, ma le parole del Cristo non passeranno”.

    L’umanità può passare, ma la cellula macrocosmica Terra sarà posta in salvo, e Lei stessa ha il permesso di vomitare l’uomo, così come agognò Leonardo da Vinci in una sua profezia che ho pubblicato in un articolo del 2000 sulla rivista “Ali dorate” e nel precedente articolo su “Chi è Leonardo Da Vinci”.

    Ci sono i “controllori terrestri dei poteri forti”, che hanno spiato le eventuali rivelazioni di Eugenio, così come hanno fatto per la retroingegneria con altri contattati, ma ciò che ha rivelato Eugenio riguarda principalmente l’etica della evoluzione interiore. Infatti ebbe a scrivere: “Ho accettato questo Loro invito che intendo come ORDINE e lo eseguo scrupolosamente e coscienziosamente senza aver paura di nessuno. Le Prove? Le forniscono certe persone, io non sono autorizzato a fornirle”.Infatti non ha mai prodotto da sé nessuna prova tangibile, né pratica né fotografica, anche se era programmato che certe prove si manifestassero con una metodologia astrale a noi inconcepibile.

    E siccome i “personaggi oscuri” sanno quasi tutto, lo usano con sofisticazioni per circuire l’opinione pubblica, ma il “Fine” dell’Opera di Eugenio era di salvare il salvabile.

    E nessuno creda di essere in salvo o salvato dagli Angeli portatori ed esecutori della Santa Giustizia Divina, nessuno creda di essere migliore degli altri. “Trovami un solo giusto e salverò la popolazione”: Lot non trovò nessuno, neanche sua moglie.

    Questo è il Padre, la cui Misericordia offertaci dal Figlio Cristo, è stata travisata, calpestata, tanto discussa ad uso e consumo anche dai pochi che dicevano di volerlo servire.

    Forse qualcuno aspetta che la Verità e l’aiuto gli venga offerto in un vassoio d’oro?  Eppure è così! Questo uomo dovrà passare nuovamente attraverso questo inferno per sperimentare ancora una volta i risultati delle cause negative che ha sprigionato.

    Ribadisco ancora: Essere riportatori degli insegnamenti datici da Eugenio, non ci conferisce affatto di essere noi gli insegnanti. Ecco che, oltre al protagonismo o remunerazione che ricevono conferenzieri e scrittori, contro “La Verità non si vende e non si compra!” (ad ogni costo e senza nessuna circolazione di denaro!), c’è il mancato e ripetuto ringraziamento ad Eugenio per ciò che si espone, per averci risvegliato a certi stati di coscienza, per cui dico a tutti coloro che parlano di lui: senza di lui, cosa sapevamo?

    E se non è così, è meglio non usare quanto ci ha offerto, mentre lui sta a guardare.

    La Verità ci è stata offerta col sacrificio dei Giusti, a partire da Gesù Cristo che ci ha detto anche “Quando vedrete strani segni nel cielo, sappiate che l’ora è vicina”.

    Ed è l’ora del: “Fine generazione, fine anno scolastico”. Siamo pronti per gli esami?

    Allego quanto ci veniva comunicato 34 anni fa.

    Dalla Cristal‑Bell Hoara Comunica:

    In forza a quanto è stato detto, scritto e tramandato: ‘‘Dai loro frutti conoscerete chi sono”, non vi sarà difficile riconoscere colui che specula sulla Verità.

    È vostro diritto‑dovere emarginare quanti si arricchiscono divulgando e vendendo quanto non appartiene loro, quanto non è loro.

    I nostri Emissari, quelli veri, sanno ed attestano che “La Verità non si vende e non si compera”, che ogni loro Servizio è gratuito in ogni senso. I nostri Emissari non possono figurare come autori di libri. Sono gli altri che scrivono su di loro, in Bene o in male, criticandoli o elogiandoli. Mai loro!

    Infine, sanno benissimo che non è permesso loro di far pagare ogni qualvolta si istituiscono conferenze o dibattiti in luoghi pubblici.

    Credo di avervi dato la necessaria guida per distinguere il falso dal Vero. Noi non siamo disponibili con gli approfittatori, né siamo teneri verso coloro che commerciano la Verità.

    Sta ad ognuno di voi vagliare gli aspetti che determinano, più che un Giudizio, una Reale Constatazione.

    Pace sulla Terra. Hoara saluta. Nicolosi, 19 Marzo 1985

     

    In aggiunta Hoara Comunica:

    Conosciamo benissimo coloro che sono addetti alla manipolazione dei Comunicati che trasmettiamo tramite i nostri Emissari Operanti sul vostro Pianeta.

    È ormai risaputo che esiste una forte opposizione da parte di chi ha tutto l’interesse che le cose, sulla Terra, mutino in senso evolutivo, sia sul piano morale che su quello materiale, scientifico, economico, politico e religioso.

    È il motivo per cui si appalesano metodiche congiure miranti a confondere, a ridicolizzare, a degradare i Reali Concetti del nostro Discorso e dei nostri principi, indissolubilmente legati insopprimibili dell’Etica Universale, abilmente affermata da un Grande Genio Cosmico, Gesù Cristo, vostro e nostro Maestro di Vita e di Verità.

    È vero altresì che questi sinistri personaggi sono una causa di una pratica selettiva per tutti coloro che, coscientemente o incoscientemente, vengono trainati verso l’opposta parte del Bene, perché attirati da deliranti inviti ad ogni tipo di bestialità pur di vincere la noia.

    Si evidenziano, attraverso libri, film e conferenze, le metodologie messe in atto da questi occulti istituti e dai loro partigiani. Lo scopo principale è quello di dissuadere e di far credere che il nostro Spirito è perverso, la nostra Intelligenza ridicola, puerile e primitiva e i nostri istinti selvaggi e sanguinari.

    La Grande Battagliadi Armaghedon è iniziata e il Giudizio in corso.

    Il nostro Consiglio è quello di stare molto attenti e di discernere bene il bugiardo dal Veritiero, il Giusto dall’ingiusto, il perverso dal Savio.

    Non c’è molto tempo per poter dimostrare di essere con la Verità o contro la Verità, con Cristo o contro Cristo. I Tempi stringono ogni giorno di più e gli eventi incalzano con sempre più crescente tragicità. Domani potrebbe essere troppo tardi, perché il Velo di Maya che copre il volto degli esseri degenerati, immondi, figli del principe delle tenebre, è destinato a cadere provocando delusioni e amarezze per quanti si sono lasciati coinvolgere dalle tentazioni offerte cariche di follie e di eccesso godimento materialistico, trascurando gli Alti Valori dello Spirito Fraterno Universale e dei suoi Benefici effetti.

    Noi vi abbiamo avvertiti. Il linguaggio dei Giusti è chiaro ed inequivocabile così com’è chiaro ed inequivocabile il linguaggio dei perversi.

    A voi la scelta! Hoara saluta. Nicolosi, 20 marzo 1985

Scarica libri gratuitamente

Forum

Forum offline

Blog

  • Fukushima, dopo disastro nucleare, farfalle ereditano mutazioni genetiche

    Author Federico

     

    Dallo studio, pubblicato su Nature, risultano ali più piccole e malformazioni agli occhi. "Le alterazioni - dice Joji Otaki professore associato all'Università Ryukyu di Okinawa - sono state trovate in tre generazioni sollevando timori che le radiazioni potrebbero aver generato mutazioni anche in altre specie"

    farafalle_interna
     

    Quando i reattori esplosero il 12 marzo 2011, loro dormivano nella terra in attesa della primavera. Gli studiosi le hanno catturate due mesi dopo la tragedia, le larve avevano lasciato il posto agli esemplari adulti ma nel bozzolo era accaduto qualcosa di nuovo: avevano ali più piccole, occhi irregolari, antenne malformate. Sono le farfalle di Fukushima, il vento nucleare che le investì quando ancora dormivano nelle loro crisalidi ha causato loro delle mutazioni genetiche che si sono trasmesse anche alle generazioni successive. “Attraverso questa farfalla noi monitoriamo l’ambiente in cui vive l’uomo”, spiegano i ricercatori dell’Università di Ryukyus, Okinawa, che le hanno studiate e la cui ricerca è stata pubblicata dalla rivista Nature.

    Si posano leggere tra i petali delle peonie e dei fiori di pesco nelle rappresentazioni dell’arte tradizionale giapponese. Sono note come Pale blue grass per loro colore azzurrino, il loro nome scientifico è Zizeeria maha e in Giappone sono diffusissime. L’esperimento condotto su di loro dall’Unità di Fisiologia Molecolare del Dipartimento di Chimica, Biologia e Scienze Marine dell’università di Okinawa è avvenuto in tre fasi. A fine maggio del 2011 i ricercatori hanno catturato 144 esemplari in 10 diverse aree del Paese, tra cui la zona di Fukushima. Mettendoli a confronto, i ricercatori hanno scoperto che nelle aree sottoposte ad una maggiore quantità di radiazioni erano cresciute farfalle con ali molto più piccole e un apparato visivo sviluppato in maniera irregolare.

    Nella seconda fase, i ricercatori hanno fatto riprodurre queste farfalle in laboratori lontani 1.750 km da Fukushima, in ambienti privi di radiazioni, e hanno notato mutazioni anche nella seconda generazione: nel 18% dei casi, le antenne utilizzate per esplorare l’ambiente e cercare i partner per la riproduzione erano malformate. Sei mesi più tardi, settembre 2011, è partita la terza fase: i ricercatori hanno raccolto 240 nuovi esemplari adulti e hanno scoperto che le farfalle della zona di Fukushima mostravano un tasso di mutazione doppio (il 52%) rispetto a quello riscontrato subito dopo l’incidente. “Siamo giunti alla conclusione – ha spiegato Joji Otaki, professore associato all’Università di Ryukyus – che le radiazioni rilasciate dalla centrale di Fukushima hanno danneggiato i geni delle farfalle e che le mutazioni sono state trasmesse alle generazioni successive, sebbene non fossero evidenti in quelle precedenti”.

    Il team di ricercatori studia la Pale blue grass da 10 anni, considerandola un vero e proprio indicatore ambientale. Nell’ultimo studio condotto prima di Fukushima, avevano “osservato come il colore delle ali sia mutato in conseguenza del riscaldamento globale – ha spiegato ancora Otaki all’AFP – e poiché è un insetto molto diffuso nelle aree urbanizzate, come i giardini e i parchi pubblici delle nostre città, lo consideriamo un indicatore molto attendibile della salubrità degli ambienti in cui vive l’uomo”.  Ora la ricerca dimostra come i radionuclidi rilasciati dall’esplosione dei reattori della Tepco siano in grado di influenzare lo sviluppo degli animali anche molto tempo dopo che le radiazioni residue nell’ambiente sono decadute. 

    La comunità scientifica è divisa. “Questi risultati dicono molte cose sulle conseguenze che l’esplosione potrebbe avere sugli abitanti di Fukushima”, ha spiegato Tim Mousseau, biologo dell’Università della South Carolina, che studia da anni anni gli effetti dell’esplosione di Chernobyl. Kunikazu Noguchi, professore associato di protezione radiologica al Nihon University School of Dentistry, è scettico: “Abbiamo bisogno di più studi per verificare il quadro complessivo dell’impatto sugli animali”.

    Ma gli allarmi si susseguono da tempo. Tracce di cesio vennero trovate prima nelle acque del mare di Fukushima, poi nel riso, quindi lo scorso dicembre nel latte in polvere per i bambini, prodotto dall’azienda nipponica Meiji. Agli inizi di agosto particelle di cesio radioattivo sono state riscontrate nel pesce pescato al largo delle coste delle prefettura di Shizuoka, Niigata e Iwate. Dati più precisi arrivano da una ricerca dell’università californiana di Stanford pubblicata il 17 luglio sulla rivista Energy and Environmental Science: le radiazioni liberate dall’esplosione potrebbero provocare tra 15 e 1.300 morti e tra 24 e 2.500 casi di cancro.

  • In gioco c'è la scelta del suo successore

    Author Federico

    Giacomo Galeazzi e Francesco Grignetti
    Città del Vaticano

    In gioco, come è di tutta evidenza, ci sono gli equilibri più delicati del Vaticano. E lo scontro che si va consumando dietro il Portone di Bronzo riguarda la posta più alta che ci possa essere: la scelta del prossimo Papa. Così la leggono, almeno, gli analisti più fini. Secondo una lettura condivisa anche dall’«intelligence» italiana, è in corso una guerra di posizione tra almeno due schieramenti l’un contro l’altro armati. Da una parte la vecchia guardia, la diplomazia della prestigiosa scuola di piazza della Minerva (Sodano, Sandri). Dall’altra il nuovo che avanza: Bertone e i suoi fedelissimi (Versaldi, Calcagno, Coccopalmerio, Bertello). Che le munizioni siano documenti segreti che finiscono ai media, poco conta. Resta il fatto che i vertici della Santa Sede stanno smottando, una casella alla volta. Tutti gli «infedeli» debbono essere cacciati, nessuno deve rimanere in sella. Prima il segretario generale del Governatorato, l’arcivescovo Carlo Maria Viganò. Poi il presidente dello Ior, Ettore Gotti Tedeschi.



    Non è un mistero che nel mirino dei «corvi» ci sia ora il segretario di Stato, Tarcisio Bertone. Ieri il Pontefice ha esternato pubblica fiducia verso i suoi più «stretti collaboratori» proprio per puntellare la posizione del suo braccio destro. E’ la gestione bertoniana, però, che avrebbe scatenato la faida dentro la Curia vaticana. Un passo, in particolare. La nomina da parte del Papa di 22 nuovi cardinali nel concistoro del 18 febbraio. Erano mesi che se ne parlava nei corridoi del Vaticano. Ma quando si sono conosciuti i nomi, alla corrente ostile a Bertone è parso chiaro che gli equilibri nel Sacro Collegio stavano cambiando perché molti dei nuovi cardinali erano italiani e molti quelli considerati di osservanza bertoniana. E così un intellettuale cattolico che parla chiaro come lo storico Alberto Melloni spiegava fuori dai denti: «Ormai lo hanno capito anche i sassi, è dentro il cuore del potere curiale che si addensa il grosso delle tensioni e delle insoddisfazioni».



    Certo, nel collegio cardinalizio la componente italiana è molto forte, ma da che mondo è mondo i cardinali non hanno mai votato guardando alla bandiera. Gli italiani hanno perso il conclave nel ‘78 e nel 2005 non perché fossero pochi ma perché erano divisi. La maggioranza nel prossimo conclave, dunque, è la vera posta in gioco. Ovvero gli equilibri tra le diverse cordate.

    Il tutto in vista di una scadenza che è nella natura delle cose, considerando che Benedetto XVI ha compiuto 85 anni. L’accenno di ieri all’adempimento del suo ministero conferma che Benedetto XVI non ha la benché minima intenzione di dimettersi. Una proposta che il direttore del «Foglio» Giuliano Ferrara, tra gli altri, è tornato a prospettare in questi giorni. «Elucubrazioni giornalistiche», l’ha liquidata il portavoce vaticano Federico Lombardi. Lo stesso Ratzinger, peraltro, non aveva escluso l’ipotesi di dimettersi, nel libro-intervista «Luce del mondo», qualora non fosse più in grado di guidare la Chiesa per impossibilità fisica, psicologica o spirituale, ma aveva precisato che un comandante non lascia la nave nei momenti di difficoltà.



    Intanto si annuncia ormai un nuovo concistoro, che si dovrebbe tenere a dicembre e che qualcuno Oltretevere chiama «di risarcimento» perché dovrebbe ristabilire gli equilibri destabilizzati dall’ultima infornata di porporati. Anche gli episcopati nazionali manifestano malumore per la sproporzione tra capidicastero premiati con la berretta cardinalizia e Chiese locali sottorappresentate nel Sacro collegio.


    La tempistica della fughe di documenti fa pensare ad un piano predefinito, ma resta da vederne gli effetti. Quanto la «guerra dei veleni» all’interno della Curia romana può accrescere o diminuire le chance di ascesa al Soglio di Pietro di un candidato italiano dopo due pontefici stranieri? Uno scenario sotto osservazione dell’«intelligence» soprattutto da quando un papabile italiano (l’arcivescovo di Milano, Angelo Scola) è in pole position per la successione. «Il Papa non è fuori dalla disputa, alla fine farà giustizia ed emergerà chiaramente chi avrà vinto e chi avrà perso in questa contesa», assicura un cardinale «mediano» tra le due fazioni in lotta. La commissione cardinalizia non fa sconti, tiene «audizioni» con monsignori e porporati, riferisce personalmente al Pontefice ciò che di più grave emerge. L’attenzione è focalizzata in particolare su un cardinale di Curia di lungo corso.



    «I cardinali rispondono al Papa, se ci sono problemi seri che riguardano un cardinale sicuramente dev’essere coinvolto - spiega padre Lombardi -. Non può dipendere dal capo della Gendarmeria o dal magistrato inquirente se interrogare o meno un cardinale». La commissione d’inchiesta raccoglie testimonianze e informazioni su Vatileaks, ma è tutt’altro che risolta anche la partita-Ior. Nel «direttorio» della banca del Papa, i cardinali Nicora e Tauran hanno chiesto chiarimenti sulla sfiducia a Gotti Tedeschi. «Non poteva restare presidente: faceva scenate in consiglio e trattava male gli altri componenti laici del board», spiega un banchiere vicino a Bertone. Se l’orizzonte ultimo è il conclave, la tappa intermedia è la segreteria di Stato. A dicembre Bertone compie 78 anni e il Papa potrebbe sostituirlo per pacificare la Curia. A seconda se al suo posto andrà il ministro degli Esteri Mamberti (continuità) o Sandri (cambio di direzione) si capirà quale fazione ha avuto la meglio.

    FONTE

  • Il controllo del pianeta

    Author Federico

    Il controllo del pianeta


    Il minimo che animali da compagnia di qualsiasi genere possano aspettarsi dai loro padroni è il cibo, aria e acqua pulita come anche le cure necessarie quando si ammalano. Dall'altra parte, questo è quello che, come sappiamo, sta accadendo all'umanità:


    1) Organizzazioni globaliste come il Codex Alimentarius si stanno gradualmente assicurando che tutto il "cibo" di cui si nutrono gli umani venga snaturato, irradiato e privato degli enzimi necessari, minerali, acidi grassi nutrienti ed essenziali. Al loro posto il gregge umano viene obbligato a consumare cibo trattato, gran parte del quale è geneticamente manipolato, contenente ingredienti cancerogeni e conservanti. Presto diventerà illegale possedere, figuriamoci piantare sementi naturali. Il "cibo" ci fa letteralmente ammalare.
    2) Le medicine forniteci dal cartello farmaceutico ci fanno ammalare e i trattamenti medici forniti dal sistema medico sono ugualmente inefficaci, ci fanno peggiorare quando non ci uccidono. Vaccini corretti con virus e coadiuvanti provocano il cancro e rendono i bambini autistici, oppure provocano loro le convulsioni. La combinazione tossica di vaccini, farmaci, cibo geneticamente modificato, acqua col fluoro hanno causato il diffondersi della sterilità nei maschi umani. Centinaia di Supplementi Naturali verranno banditi nell'Unione Europea quest'anno, e nel resto del mondo a seguire.
    3) Le scie chimiche nei nostri cieli diffondono sostanze inquinanti che causano malattie e che potrebbero persino influire sul DNA. Corporazioni transnazionali deturpano sistematicamente l'ambiente con inquinanti tossici; un perfetto esempio recente è la British Petroleum, che ha deliberatamente avvelenato il Golfo del Messico con petrolio e disperdenti con conseguenze a livello planetario. A Fukushima va avanti la fissione spontanea; i radionuclidi verranno dispersi nella corrente a getto che diffonderà i particolati altamente tossici in tutto il pianeta. Fukushima è stato un evento pianificato. Piante e animali geneticamente modificati, introdotti nell'ecosistema, stanno causando mutamenti nelle colture naturali e nella vita selvatica. Sta morendo un enorme numero di api. HAARP e armamenti creano "disastri naturali" artificiali in tutto il mondo, diminuendo ulteriormente il cibo naturale. I mercati vengono manipolati a New York e Chicago facendo aumentare i prezzo degli alimenti, con conseguenze aumento della fame.
     4) Un sistema di Fiat Currency (sistema di denaro virtuale) ha indebitato ogni nazione sulla Terra nei confronti del cartello bancario internazionale, che è lo strumento operativo principale dei padroni Rettiliani sul pianeta. Innumerevoli persone e famiglie in Occidente sono state rese finanziariamente indigenti mentre i popoli del Terzo Mondo lo sono stati già da molto tempo.
    5) La gente viene "dis-istruita". Il sistema di istruzione è gestito da comportamentisti e psicologi che usano le tecniche skinneriane (da B.F. Skinner, psicologo americano, ndr). Di conseguenza, intere generazioni sono assolutamente incapaci di pensare in modo indipendente. La serie di terribili cataclismi geologici conseguenti a comete e forse guerre interplanetarie vengono accantonate come assurdità dagli pseudoaccademici del sistema. I significati delle parole sono stati distorti. Invasioni militari vengono descritte come "interventi umanitari". Chi protesta contro la guerra viene definito "terrorista" e chi crede nella Verità (ad es. qualsiasi verificabile verità che contrasti con il consenso dei media corporativi) viene demonizzato come "estremista". Quanto sopra e molto altro potrebbe essere attribuito puramente agli umani, se non fosse per gli innumerevoli, documentatissimi racconti di abduction di umani da parte di Rettiliani. I Rettiliani sono una realtà oggettiva. Vi sono moltissimi video su Youtube e Google che mostrano ibridi umano-rettiliani con pupille verticali in televisione, che manipolano e mentono al pubblico. Le loro pupille verticali e occasionali mutamenti di forma li tradiscono. Il rapporto di ibridi umano-rettiliani in posizioni di potere e influenza rispetto agli "umano normali" dovrebbe far pensare chiunque a chi e cosa controlli veramente il pianeta. Prima di tutto dobbiamo riconoscere lo stato di Vassallaggio Cosmico in cui ci troviamo. Se si sveglierà in tempo un numero sufficiente di persone, riconoscendo la realtà del Dominio Rettiliano, potremo ancora affermare la nostra libertà e liberarci dal giogo della loro oppressione. Non è troppo tardi. Se pensate che mi stia inventando tutto, allora date un'occhiata alla Luna...

Demo

La separazione tra Giorgio ed Eugenio.

"Eugenio: che sono i valori iniziali...i miei valori iniziali che non erano quello di oggi
Miguela: finchè tu seguivi una certa scia era comprensibile che tu usassi i suoi simboli
Eugenio: eh... eh...     
Miguela: ..... perchè la gente è confusissima
Giorgio: non mi interessa della gente"

Guarda video

Demo

I Black Men sono terrestri

Questi strani individui vestiti in nero e con occhiali, non sono, come qualcuno ha affermato, Extraterrestri, ma terrestri al servizio delle forze dissuasive di quelle superiori verità che la grande massa dell'Umanità non deve conoscere

read more